Angelika Vitanza-Lima

Senza terra

 

Sono nati nel nostro paese,

parlano lingue come cinese.

I suoi genitori non sono di qui.

Nessuno li vuole – li vogliono lí

nel suo paese molto lontano.

Ma quando son piccolo, che strano,

lí trovano dolci e troppo belli,

gli occhi scuri – I suoi capelli.

 

Vogliono bene il viso diverso,

ma quando son grandi tutto è perso.

Crescono tanti brutti pensieri,

vedono solo che sono stranieri.

Restano l’odio e l’invidia.

Finito – il sogno di una famiglia!

Un mondo per tutti? Mi fa ridere!

Se significa di dividere…

 

© Angelika Vitanza-Lima – 2001-03-13

 

 

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Angelika Vitanza-Lima.
Published on e-Stories.org on 11.11.2008.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Previous title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Política & Sociedade" (Poems)

Other works from Angelika Vitanza-Lima

Did you like it?
Please have a look at:

Bella Sicilia - Angelika Vitanza-Lima (Vida)
A special moment - Helga Edelsfeld (Filosófico)