Massimiliano Badiali

AREZZO: PREMIO MECENATE, LABIRINTISMO, TEATRO MECENATE

 ORGANIZZATO DA

25 Marzo 2007 ore 15,00 al Teatro della Bicchieraia
 
in Via della Bicchieraia ad Arezzo.

 

Progetto grafico del Vicepresidente prof.ssa Rita Carioti

 
 
 
 
Ospite d'onore il Gran Ufficiale della Repubblica
poeta. scrittore, fotografo e giornalista
Con il saluto e la partecipazione spirituale dello scrittore ed editore Giovanni Semerano di Roma.

 

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DI AREZZO
DR. GIUSEPPE CAROTI    
 

PROGRAMMA

  PRIMA DELL'AURORA
        Libero adattamento di Barbara Cantelli da L'ora grigia di Agota Kristof interpretato da Denny Bonicolini 
        Barbara Cantelli e Dario Mencucci.
 

 

 
 - PRESENTAZIONE DEL MOVIMENTO ARTISTICO LABIRINTISMO

Lettura e interpretazione del Manifesto del Labirintismo

 
                                                                               
 
 - ESPOSIZIONE DEL LABIRINTISMO PITTORICO, FOTOGRAFICO E POETICO
 

Esposizione del Labirinto mariano di Lelia Burroni, di Labirinto di Rita Carioti, de L'Occhio di Teseo di Maria Roberta Presenti

 
       
      
 
        IL LABIRINTO DI BASENDOLF
 
 
        Scritto da Massimiliano Badiali
        Regia di Massimiliano Caldaro
 
        Interpretato da Valentina Badiali, Chiara Della Marta, Leopoldo Papini, Matteo Svolacchia
e Massimiliano Caldaro.
In collaborazione con Associazione "L'uomo nel teatro, il teatro dell'anima"
 
 
 
                                                                           - DISCORSO SULL'ARTE
 
- SALUTO DEL PRESIDENTE ONLUS MECENATE prof. Massimiliano Badiali
 
 
- INTERVENTO DELL'OSPITE D'ONORE: CARLO CASTELLANI POETA, SCRITTORE, FOTOGRAFO E GIORNALISTA
 
-INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DI AREZZO DR. GIUSEPPE CAROTI 
 
 

 

 
 
 
                         
 
 
 
 
     PREMIAZIONE DEI VINCITORI DEL 5° CONCORSO MECENATE (POESIA, PROSA, PITTURA, MUSICA E FOTOGRAFIA)
 
 
- LETTURA DELLE OPERE VINCITRICI DI POESIA E PROSA, ASCOLTO DELLE OPERE MUSICALI VINCITRICI ED ESPOSIZIONE DELLE OPERE DEI PRIMI TRE CLASSIFICATI DI PITTURA E FOTOGRAFIA
 
 
 
 
        L'ATTORE E LA SUA MASCHERA
 
        Monologo scritto e interpretato da Massimiliano Caldaro
       
        I GIRASOLI 
 
        Testo, musica e voce di Barbara Cantelli, arrangiamento di Denny Bonicolini
 
 
      
 
      MUSICA a cura di Denny Bonicolini
       LETTURA INTERPRETATIVA di Isania Forgione e Barbara Cantelli
       PRESENTAZIONE a cura di Massimiliano Badiali, Isania Forgione, Manolita Faralli e Roberto Giuseppini
 
       FOTOGRAFIE a cura di Rita Carioti
       VIDEO a cura di Andrea Menci
       ALLESTIMENTO MOSTRA a cura di Rita Carioti e Lelia Burroni
 
       ALLESTIMENTO TEATRO  a cura di di Denny Bonicolini e Massimiliano Caldaro.

 

 

Ringraziamo il Comune di Arezzo e l'Assessorato alla Cultura del Comune per il patrocinio.  

 
 
 

PREMIAZIONE DEL 5° CONCORSO INTERNAZIONALE DI ARTE MECENATE

IN GIORNATA DI ARTE MECENATE  http://mecenate.iitalia.com/GiornataArteMecenate25Marzo2007.htm

 

 ORGANIZZATO DA

 

Con il patrocinio del Comune di Arezzo

 

 

 

25 Marzo 2007 Teatro della Bicchieraia ad Arezzo.

 

 

Ospite d'onore il Gran Ufficiale della RepubblicaCarlo Castellani di Roma poeta, scrittore, giornalista e fotografo.

 

 

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI AREZZO dr. GIUSEPPE CAROTI

 

 

ALL’ENTRATA DEL TEATRO SU CAVALLETTI:

 

-         ESPOSIZIONE DELLE OPERE DELLE OPERE DEI PRIMI TRE CLASSIFICATI DIDEL 5° CONCORSO MECENATE DI PITTURA E FOTOGRAFIA

 

-        

 

 

Ore 16,45

 

-         SALUTO DEL PRESIDENTE ONLUS MECENATE Prof. Massimiliano Badiali

 

 

-         INTERVENTO  DELL’’OSPITE D’ONORE CARLO CASTELLANI

 

http://mecenate.iitalia.com/carlo_castellani.htm

 

 

            Carlo Castellani è nato nell’ottobre del 1928 a Roma, da padre romano, validissimo xilografo- e da madre toscana.

 

          All’età di dodici anni, Carlo Castellani ha sviluppato la prima grande passione della sua vita: la fotografia.  Il padre venne arrestato, infatti, nell’aprile del 1944 dalle SS e fucilato nel giugno dello stesso anno.  Fin dai primi giorni di collegio dai salesiani, dove si ritrovò alla fine del 1944, ha cominciato ad avvertire la necessità di scrivere, di tradurre in pensieri, in scritto le sensazioni, le aspirazioni, le esperienze, i sogni. Negli anni che seguirono, insieme alla poesia, ha continuato a coltivare la passione della fotografia . “In fotografia sono un dilettante pretenzioso. Ho iniziato dopo il ‘45 a stampare le mie foto perché non amavo la qualità della stampa altrui e per l’emozione che mi evocava la camera oscura” (Intervista a Massimiliano Badiali).

 

Dal 1947 al 1994 è stato funzionario responsabile di un settore dell’Economato del Ministero dell’Interno. Nel 1978 è stato insignito del titolo di Cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica dal Presidente Leone. In questi anni ha vinto  Premi di Poesia prestigiosi, per i quali ha ricevuto attestazioni di plauso, diplomi e premi, tra cui il “Gattopardo d’oro” (1979),-“David di Michelangelo” -XX  edizione.            Nel1990 pubblica in modo autonomo una raccolta di versi,  “Fuori dal Tempo”, e il ricavato delle vendite viene devoluto per raccogliere fondi destinati, durante il conflitto serbo-croato ad andare incontro alle necessità di un Ospedale in Croazia (Isola di Hvar). L’ iniziativa ha ricevuto una lettera di plauso e di riconoscimento dal Presidente Oscar Luigi Scalfaro (11 novembre 1998). 

 

Carlo Castellani è un artista completo. Il suo orizzonte interiore spazia dalla poesia al racconto alla fotografia e in ogni forma artistica traluce la sincerità, l’onestà e la sensibilità di un uomo che dalla sofferenza ha creato per  una consolatoria rimembranza. L’arte è per Carlo Castellani “un vangelo di bene, poiché nell’arte non può entrare né Hitler, né Mussolini né Stanlin”. L’arte  risponde al bisogno di bello e di spiritualità dell’uomo. E’ poesia in cui vi è un’istintiva inclinazione all’amore umano, reso attraverso purezza di spirito e evangelica comunione umana tra fratelli:: con la sua arte, “con la sua voce, con le sue parole e con i suoi suoni rinnova e promuove nella Sacra Chiesa dell’umanità, il sacrificio dell’umanità per portare in superficie (…) le voci del silenzio, i volti sconosciuti, delle cose dell’esistenza che sembrano ombre”(Maria Mauro).. 

 

Carlo Castellani è artista dell’umanità, fotografo della memoria, scrittore del ricordo. La sua melica poetica è del cuore. Carlo Castellani  è uno degli ultimi poetici romantici del nostro tempo: è l’ultimo italiano Victor Hugo del nostro tempo, nonché l’ultimo’Orazio cristiano:

 

 

Afferra al voloi

 

Le briglie sciolte

 

Del destriero selvaggio

 

E cavalca,

 

 

Cavalca indomito

 

Sentieri sconosciuti

 

Verso mete di luce.

 

(Carpe diem).

 

 

 

- INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI AREZZO dr. GIUSEPPE CAROTI

 

  

 

 

 

 

Ore 17, 15

 

PREMIAZIONE 5° CONCORSO MECENATE

LA GIURIA DEL 5° PREMIO MECENATE E' COMPOSTA DA

 

dr.ssa Masi Maria Grazia (segretaria)

 

prof. Massimiliano Badiali, prof.ssa Isania Forgione, prof.ssa Lelia Burroni,  Rita Carioti,  dr.ssa Barbara Cantelli, dr. Denny Bonicolini, Roberto Giuseppini, dr.ssa Valentina Badiali, dr.ssa Manolita Faralli, Maria Roberta Presenti e Massimiliano Caldaro.

 

 

 

 

 

SEZIONE MUSICA

 

1° PREMIO

 

Vincenzo Napoli diSanto Stefano di Camastra (Messina)

 

Il principe buono

 

 

2° PREMIO

 

Dante Iagrossi di Caiazzo (Caserta)

 

Ogni giorno è importante

 

 

 

SEZIONE POESIA

 

1° PREMIO

 

Gabriella Neri 5 B Istituto d'Arte di Arezzo

 

Terra d'Africa

 

 

2° PREMIO

 

Maria Laura Ghinassi di Arezzo

 

Nessun altro

 

-        

 

SEZIONE PROSA

 

1° PREMIO

 

Stefano Borghi di Cassina de Pecchi (Milano)

 

Sono una donna

 

 

2° PREMIO

 

Lenio Vallati di Sesto Fiorentino (Firenze)

 

Il sogno

 

 

SEZIONE PITTURA

 

1° PREMIO Donati Lorenzo di Pieve al Toppo Arezzo

 

Ingresso del labirinto

 

 

2° PREMIO Raffaele Barbuto di Segrate (Milano)

 

Sinottica infantile

 

 

SEZIONE FOTOGRAFIA

 

 

1° PREMIO Cacciotti Massimiliano di Roma

 

Lo spirito nella bottiglia

 

 

 

2° PREMIO Mario Aliprandi di Olginate (Lecco)

 

Sentiero

 

 

Tutti i nominativi del vincitori:

 

http://mecenate.iitalia.com/new5ConcorsoMecenate.htm

 

 

 

IL LABIRINTISMO

 

  
ALL’ENTRATA DEL TEATRO SU CAVALLETTI:

 

- ESPOSIZIONE DI QUATTRO OPERE DEL LABIRINTISMO PITTORICO, FOTOGRAFICO E POETICO Esposizione del quadro Labirinto Mariano di Lelia Burroni, della fotografia Labirinto di Rita Carioti, della poesia Esodo dal Labirinto di Massimiliano Badiali, della pittura su vetro L'Occhio di Teseo di Maria Roberta Presenti

 

  

Ore 15, 45

 

PRESENTAZIONE DEL MOVIMENTO ARTISTICO LABIRINTISMO

 

http://labirintismo.iitalia.com/

 

  

Avviene la presentazione ufficiale del Movimento artistico Labirintismo. Il Labirintismo è nato dall’incontro di 20 artisti per lo più aretini. Il Labirintismo è un movimento artistico-letterario e visione estatico-conoscitivo-terapeutica dell'arte, basato sull’idea che l’arte libera dal proprio labirinto interiore: “l’arte è il filo d’Arianna che permette l’esodo dal labirinto”.E’ stato fondato da  Massimiliano Badiali, Rita Carioti, Lelia Burroni, Valentina Badiali,  Anna Laura Fani, Marco Francalacci, Barbara Cantelli, Denny Bonicolini, Isania Forgione, Maria Roberta Presenti, Michele Moricci, Alessandro Testa, Filippo Emanuele Massimiliano Caldaro, Silvana Picardi, Giovanna Garzia, Maria Grazia Masi, Maria Letizia Filomeno, Luca Antonio Callegaro, Carmen Di Lorenzo, Mario de Rosa, Daniele D'Alberto, Liz Martinez. Il movimento si sta ampliando grazie alla diffusione web del sito http://labirintismo.iitalia.com/. Esistono una versione inglese, francese e spagnola. La poesia manifesto del Labirintismo è Esodo dal Labirinto di Massimiliano Badiali, il quadro manifesto del Labirintismo è Labirinto Mariano di Lelia Burroni esposta all’entrata del teatro, la fotografia Manifesto del Labirintismo è Labirinto di Rita Carioti in esposizione in teatro, il brano musicale manifesto è Skisis di Denny Bonicolini, la pièce teatrale Manifesto del Labirintismo è Skisis di Barbara Cantelli, il testo narrativo manifesto del Labirintismo è Il Labirinto di Basendolf di Massimiliano Badiali oggi presentato In collaborazione con Associazione "L'uomo nel teatro, il teatro dell'anima" con la Regia di Massimiliano Caldaro, interpretato da Valentina Badiali, Chiara Della Marta, Leopoldo Papini e Matteo Svolacchia.

 

Segue lettura del Manifesto del Labirintismo e di opere labirintiste.

 

 

LABIRINTISMO: MOVIMENTO ARTISTICO-LETTERARIO

 

E VISIONE ESTATICO-CONOSCITIVO-TERAPEUTICA DELL'ARTE

 

Il labirintismo non è solo una corrente artistico-letteraria, ma è un modo di concepire la vita attraverso l’arte.  Scoprire il cammino liberatorio che conduce all'uscita dal labirinto significa conoscere anche il percorso che porta al centro che simboleggia l'unità assoluta e l'emancipazione dell'Es. Il Labirintismo è una visione della vita attraverso l’arte, che deve liberare l’uomo dalla dominanza del proprio Super-io.

 

Il Labirintismo è una corrente in fieri che attende l’apporto di poeti, scrittori, pittori, artisti, fotografi e attori che esprimano attraverso l’arte la redenzione dal labirinto.

 

L'arte è il filo d'Arianna che permette l'esodo dal labirinto.

 

(Dal Manifesto del Labirintismo).

 

  

Ore 16, 00

 

PIECE TEATRALE DE IL LABIRINTO DI BASENDOLF

 

 Manifesto del Labirintismo Narrativo di Massimiliano Badiali

 

http://mecenate.iitalia.com/LabirintodiBasendolf.htm/

 

  

La Regia è di Massimiliano Caldaro, la pièce è interpretata da Valentina Badiali, Chiara Della Marta, Leopoldo Papini e Matteo Svolacchia.

 

  

  

 

SPETTACOLI DI ARTE

 

 

 

 

 

25 Marzo 2007 Teatro della Bicchieraia ad Arezzo.

 

 

  

  

RAPPRESENTAZIONE TEATRALE

 

 PRIMA DELL'AURORA

 

http://mecenate.iitalia.com/Primadell'aurora.htm

 

Libero adattamento di Barbara Cantelli da L'ora grigia di Agota Kristof interpretato da Denny Bonicolini e Barbara Cantelli e Dario Mencucci.

 

  

  

  

MONOLOGO

 

 L’ATTORE E LA SUA MASCHERA

 

http://mecenate.iitalia.com/l’attore_e_la_sua_maschera.htm

 

Testo e rappresentazione di Massimiliano Caldaro

 

  

  

CONGEDO MUSICALE

 

GIRASOLI

 

Testo, musica e voce di Barbara Cantelli, arrangiamento di Denny Bonicolini

 

  

 

  

  

 

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Massimiliano Badiali.
Published on e-Stories.org on 06.03.2007.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Previous title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Geral" (Short Stories)

Other works from Massimiliano Badiali

Did you like it?
Please have a look at:

IL LABIRINTO GRANDI ARTISTI DEL LABIRINTISMO - Massimiliano Badiali (Geral)
Pushing It - William Vaudrain (Geral)
El Tercer Secreto - Mercedes Torija Maíllo (Ficção científica)