Gabriele Zarotti

L'ultima parola.


E quando il mondo sarà sordo intorno a te

tutto preso tra individualismo e indifferenza

gridare non avrà più senso

e capirai che non ti resta

che un pugno di parole.

 

Fra le righe non nasconderti

non compiacerti dell’oscurità di un significato,

nessuno sfoggio

nessuna ostentazione,

non  piangerti né gioirti addosso

come vanesio coatto di te stesso,

  non sono solo tue  le parole:

tu

nutrile

accarezzale

rispettale

condividile,

non sprecarle,

 loro appartengono  al mondo.

 

E quando la prosa più non basterà

a toccare la coscienza

sarà il momento della poesia.

Ultimo

estremo

temerario

gesto di  ribellione.

 

 
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Gabriele Zarotti.
Published on e-Stories.org on 27.04.2019.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Previous title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Pensamentos" (Poems)

Other works from Gabriele Zarotti

Did you like it?
Please have a look at:

Metastasis. - Gabriele Zarotti (Política & Sociedade)
Darkness of a way - Helga Edelsfeld (Pensamentos)
The secret is ... - Inge Hoppe-Grabinger (Psicológico)